Buone pratiche di settore: impianto di trattamento delle acque reflue in Spagna

Astratto

Breve introduzione al problema - riassunto
Gli impianti di trattamento delle acque reflue (WWTP) sono potenziali emettitori di odori semplicemente a causa della natura del prodotto che trattano; ancor di più quando la progettazione dell'impianto non ha tenuto conto di questo problema e la popolazione vicina è cresciuta notevolmente in pochi anni.
Avere un'amministrazione come EPSAR (Ente pubblico per la sanificazione delle acque reflue nella Comunità di Valencia), impegnata a ridurre al minimo l'impatto degli odori da WWTP e con società operative tecnicamente solvibili per affrontare questo problema, diventa la chiave per la necessaria coesistenza tra impatto generatori e recettori.

Descrizione del problema

Qual è il tipo, le dimensioni, l'ubicazione, le caratteristiche tecniche dell'impianto?
Il depuratore di Camp de Turia II è situato in prossimità del fiume Turia e sulla sponda opposta è presente un'urbanizzazione di circa 200 case unifamiliari. L'impianto tratta una portata di circa 10000 m³ / giorno da diversi comuni e zone industriali.

Qual'era il problema? Quanti cittadini sono stati colpiti e per quanto tempo?
Con l'aumento della popolazione nella vicina urbanizzazione a meno di 500 m dall'impianto sulla sponda opposta del fiume, si cominciarono a ricevere lamentele per i cattivi odori.

Fase di rendicontazione

Come è stato sollevato il problema? Come sono stati segnalati i reclami?
Un modulo di reclamo è stato sviluppato dall'associazione di quartiere dell'urbanizzazione e distribuito ai residenti. Periodicamente questi sono stati raccolti e presentati al Comune tramite un registro delle iscrizioni e da lì sono stati presentati i reclami all'ente da cui dipende il WWTP.

Fase di monitoraggio

Il problema è stato monitorato? Se sì, come? Quali tecniche / metodi sono stati applicati?
Si è iniziato ad analizzare le possibili cause dei problemi di odore della pianta. Sono stati effettuati tentativi per identificare le fonti di emissione e sono state effettuate misurazioni del flusso di aspirazione in diversi punti delle tubazioni lungo i diversi edifici.

Qual è stato il risultato della fase di monitoraggio?
Sono state identificate diverse possibili fonti: sistema di deodorizzazione chimica con flusso di aspirazione insufficiente, nessun focus sull'aspirazione, nessuna aerazione (sì agitazione) nella vasca di omogeneizzazione (2700 m³ e una superficie di 800 m²), canali di deodorizzazione all'aperto ...

Fase di valutazione

Come sono stati analizzati i dati? Come si potrebbe accedere ai dati raccolti?
I dati sul flusso d'aria raccolti dall'anemometro sono stati utilizzati da EPSAR per preparare un progetto in collaborazione con una società di ingegneria specializzata per valutare il problema.

Fase di risoluzione

Come è stato risolto il problema? Quale tecnologia è stata applicata?
La deodorizzazione chimica è stata raddoppiata in modo che quella esistente sia stata utilizzata solo per deodorare l'edificio di essiccazione e quella nuova per il pretrattamento, la levigatura e il travaso primario. Tutte le attrezzature e i canali negli edifici di pretrattamento e essiccazione dei fanghi sono stati coperti. È stato costruito un edificio in vetroresina per ospitare i canali di dissabbiatura che prima erano all'aperto. È stato realizzato un canale di by-pass della vasca di omogeneizzazione per eliminare i sedimenti accumulati negli anni (non c'era by-pass) e sono state installate griglie di diffusori a bolle fini. I decanter primari sono stati coperti e deodorati. La rete di aspirazione del nuovo impianto tramite mezzi chimici è stata portata ai decanter primari (il precedente ha raggiunto la vagliatura fine).
A parte questo insieme di azioni, in quanto azienda che gestisce gli impianti, e sempre con l'obiettivo di minimizzare il nostro impatto dovuto agli odori nella comunità, è stata proposta la riconversione del trattamento WWTP ad un sistema di aerazione prolungata. In questo modo è stata eliminata la fase di decantazione primaria che genera fanghi appena stabilizzati provocando gravi problemi di odore, e sono stati trasformati in reattori biologici i digestori aerobici esistenti che in alcuni periodi erano fonte di disturbi odori.

D'altra parte, e nell'ambito delle pratiche che portiamo avanti per ridurre al minimo la generazione di H2S nelle nostre strutture, è stata modificata la modalità di funzionamento dell'ispessitore fanghi. Questa modifica consisteva in un carico di alimentazione che riduce il tempo di ritenzione dei fanghi in esso contenuti e, con esso, il grado di anaerobia che favorisce la generazione di H2S in questa fase della linea fanghi.
Chi / come sono stati coinvolti i diversi stakeholder nella soluzione del problema?
EPSAR ha fornito il sostegno economico necessario per realizzare le diverse azioni. SAV-DAM, in qualità di società operativa, ha fornito la propria solvibilità tecnica per la proposta di soluzioni e / o alternative di trattamento. L'associazione di quartiere insieme al Comune ci ha fornito, e continua a fornirci, il feedback necessario per rilevare la necessità di nuove azioni o, al contrario, la certezza che quanto fatto è stato efficace.

Quanto costa? Chi l'ha pagato? Quanto ci è voluto?
Il costo delle azioni è stato assunto da EPSAR. Queste azioni sono state portate avanti negli anni in cui la joint venture SAV-DAM ha operato il WWTP di Camp de Turia II.

Fase di verifica

La soluzione ha funzionato? L'impatto è stato ridotto?
L'impatto dell'odore è stato notevolmente ridotto e i reclami sono stati interrotti.

Come è stata monitorata l'efficacia della soluzione applicata?
Sono state condotte campagne per misurare l'H2S nell'area in cui sono stati registrati i reclami relativi agli odori e vengono effettuati controlli regolari di H2S, VOC, ammoniaca, mercaptani e ammine in tutto l'impianto al fine di rilevare fonti non precedentemente considerate.

Fase di comunicazione

Il pubblico è stato adeguatamente informato della fine del processo?
Si sono tenuti incontri con l'associazione dei vicini e il consiglio comunale per verificare l'assenza di reclami e per riferire su tutte le azioni intraprese.

In questo modo è stata stabilita una comunicazione diretta e fluida tra le autorità locali e il WWTP, riducendo al minimo i tempi di risposta a qualsiasi incidente rilevato e aumentando la fiducia dei residenti nella continua attuazione di buone pratiche volte a ridurre e persino eliminare l'impatto degli odori dalle nostre strutture. Questa comunicazione diretta e fluida è mantenuta ancora oggi.

Qual è stato il risultato dell'analisi dei dati?
L'amministrazione ha commissionato un progetto che comprendeva una serie di azioni volte a ridurre al minimo l'impatto degli odori del WWTP. Il lavoro è stato bandito e tutte le azioni sono state eseguite.
Bulgarian BG Catalan CA English EN French FR German DE Greek EL Italian IT Portuguese PT Spanish ES